Fashion&Travel: TDM presents Eleonora Ghilardi

Buonasera, carissimi!
Come avrete notato dai massicci post sulla nostra pagina fan di Facebook, la fashion week milanese ci ha portato una marea di materiale su cui discutere: in particolare Sara, ospite in varie sfilate in rappresentanza di Tiratela di Meno, ci racconterà tutti i dettagli degli eventi con foto, video e quant'altro!
Prima di cominciare con i vari post inerenti alla fashion week volevo parlarvi di un altro evento molto importante a cui io e Sara siamo state invitate tempo addietro: trattasi di Homi - Sperimenta Fashion & Jewels, tenutasi a Fiera Milano dal 13 al 16 settembre 2014.
Una delle figure più creative ed apprezzate dell'evento è stata sicuramente Eleonora Ghilardi, bravissima designer che si occupa della realizzazione di gioielli dalla fattura pregiata.

Ma facciamo un passo indietro.

Eleonora Ghilardi è nata a Bergamo, ma vive ed opera a Lodi. 
Ha mosso i primi passi nel campo della scultura e della pittura nel 1987, alternandole allo studio del decoro di porcellana, vetro e specchi o dipinti su tela e stoffa. Particolare cura viene riservata anche alla creazione di "piccoli gioielli" (parliamo di spille, orecchini, collane in vetro o ceramica, tutte creazioni rigorosamente fatte a mano e che a breve andrò a presentarvi). 
Attualmente molto del lavoro di Eleonora è dedicato alla modellazione della porcellana e ciò tramite tecniche innovative (modellazione, paper-clay, gres effetto nero fumo con terre sigillate, composizione, smalti per alta temperatura e collage di ingobbi) utilizzate per realizzare originali complementi d'arredo. Notevole anche la lavorazione del vetro "a lume", tecnica che necessita di grande cura e precisione.

L'assoluto protagonista, presentato anche a Homi, è la collezione "Landscapes" ispirata ai viaggi compiuti da Eleonora. Landscapes, il nome stesso ve lo suggerisce, è basata sulla magnificenza dei paesaggi: Arizona, Alaska, Bolivia, Hawaii e molti altri ancora.
Anche in questa collezione il materiale preponderante è la porcellana, che viene sapientemente abbinata all'alluminio lavorato a mano. 
Grande attenzione, inoltre, è stata dedicata anche al packaging, per non parlare dell'esposizione pubblicitaria!

Non mi dilungo oltre con i dettagli tecnici e lascerò parlare le splendide immagini che seguono. 
Queste creazioni, a mio parere, riescono a far convivere perfettamente due anime distinte: la prima, molto energetica e vitale; la seconda, più tranquilla e riflessiva.
Ho apprezzato particolarmente gli scatti con le cascate: un'aria così di pace, sinceramente, non l'avevo mai vista, e capisco cosa abbia spinto Eleonora a realizzare queste creazioni!
Di seguito, qualche scatto particolarmente meritevole (tra i milioni di parimenti meritevoli, ho dovuto fare - a malincuore - una grossa cernita) della bellissima collezione Landscapes.






 





Questo, in assoluto, il mio preferito!

Se volete ulteriori informazioni, potrete trovare Eleonora Ghilardi sulle seguenti piattaforme:


E voi che cosa ne pensate di questa collezione? Improvvisamente è venuta anche a voi una voglia di partire pazzesca?
A presto!
-Ste


[continua...]

I'm a Barbie girl in a Moschino world

Oggi un quick post per parlarvi di una delle sfilate più attese della fashion week milanese.
Si tratta della sfilata di Moschino, il cui direttore creativo, Jeremy Scott, ha ancora una volta sorpreso tutti.
Appena sono uscite le prime immagini e ho visto che il tema di quest'anno era Barbie, non ho proprio resistito!
Ormai tutte conoscete la mia passione per questa bambola, di cui già in passato ho scritto (QUI).
Come a febbraio, Moschino riesce a fare in modo che tutti ne parlino e ancora una volta ci si divide.
Io ho già scelto che Barbie batte McDonald 10 a 0.
C'è comunque chi ha storto il naso e crede che si tratti, anche in questo caso, di una strategia di marketing per distogliere l'attenzione dal fatto che Moschino non riesca a creare una collezione degna di nota ormai da qualche anno.
Il tema Barbie, oltre che in passerella, era presente fin dalle sedute dei fortunati ospiti: venivano, infatti, gentilmente donate una Barbie Moschino e una cover a specchio di Barbie.
E io non sono per niente invidiosa, no no!
 Facciamo un confronto dei capi della collezione con le vecchie versioni delle bambole:



Di seguito qualche altro look degno di menzione:

Una collezione che, in perfetto stile Barbie, si basa molto sul rosa ma non solo.
Divertente e colorata, per me gli abbinamenti cromatici sono davvero riusciti ma è soprattutto nei dettagli e negli accessori che posso dire che per me sia una linea riuscita.
Le cover a forma di macchina fotografica e a specchio (vedi ultima foto), le pochette a forma di cuore e le beatbox, per non parlare dei bottoni e gioielli giganteschi.
Anche gli abiti da sera non sono esenti di quest'aspetto giocoso: le enormi rouches, il trionfo delle pailletes, le gonne esageratemente gonfie. Tutto contribuisce a trasportare in quel mondo con cui per anni ho giocato!
Riesco solo a immaginare come sarebbe stato per una bambina trovarsi lì ieri sera, un sogno!
Penso che riuscirei a indossare volentierissimo le borse mentre singolarmente solo qualche capo di vestiario.
Ma d'altronde la moda è anche divertimento, no?
Voi cosa ne pensate? La promuovete o no? Avete preferito Moschino Mc Donald?
A presto!
*Sara

[continua...]

Dress Like A Model #3 Special: Front Row

New York, Londra, Milano, Parigi.
Mete da segnare con una puntina sulla cartina di qualsiasi viaggiatore. Posti che ho visto, che vedo e che magari un giorno vedrò e poi rivedrò.
Mete da segnare a penna sull'agenda di ogni fashionista che si rispetti. Capitali della moda e teatri che ospitano le fashion week più famose al mondo.
Riesco ancora a ricordare l'emozione dell'anno scorso, assistere alle mie prime sfilate è stato qualcosa di unico, tanto forte da far tremare le gambe.
Quest'anno la sto vivendo in maniera diversa, più consapevole ma anche con un pizzico di delusione, che so già sparirà quando le modelle faranno comparsa sulla passerella. 
Ho scelto comunque di non fare polemica (e chi lo avrebbe detto tre anni fa?) e di godermi a pieno le cose belle che ho, piuttosto che quelle belle che non ho.
Uno dei problemi principali e sicuramente anche una delle ricerche più googlate sulla settimana della moda è: ma come ci si veste per un evento così importante?
Ovviamente a Google mi sono affidata anche io l'anno scorso, sono una self-made woman e tutto quello che ho ottenuto e imparato del campo l'ho fatto da sola, quindi il panico mi vinse.
"Di nero non vestirti, sei scontata!", "Vestiti del brand della sfilata", "Niente collant" e articoli simili.
Mi spaventai, sono una studentessa e non ho un budget alto! Niente nero? Ma io lo adoro,  lo trovo elegante e di classe! Sono anche una freddolosa e non posso andare a gambe scoperte!
Insomma, non mi sentivo adeguata, non ero più sicura di niente! Alla fine feci di testa mia e ribaltai letteralmente il mio armadio: optai per una camicetta bianca elegante e una gonna a vita alta in pelle marrone.
Filò tutto liscio, mi sentivo sicura vestita nei miei abiti e con il mio stile.
E poi io mi vesto per vedere e non per farmi vedere!
Niente parrucchieri, niente make up artist, niente stylist che ti prestano abiti prestigiosi da indossare. Semplicemente me stessa!
Per questo neanche io saprei dire come vestirsi per assistere ad una sfilata, anche se so comunque come non mi vestirei! Cioè non mi concerei come un clown solo per essere fotografata!
A febbraio quando fuori da una sfilata mi si avvicinò un ragazzo che voleva farmi una foto, mi voltai indietro per essere sicura che si rivolgesse a me. Chissà, magari sono finita in un sito che consiglia come non bisogna fare tutto da soli per la fashion week! LOL credo che resterò con il dubbio a vita!
Mi faceva comunque piacere mostrarvi in questo speciale come si vestono le modelle che non stanno in passerella ma bensì in front row!
Chi meglio di loro per proporvi qualche esempio?


Lily Donaldson -  Burberry
Jessica Hart - Tome
Jessica Hart -
Jessica Hart - Diane Von Furstenberg
Jessica Hart - Alice+Olivia
 (Ferragamo bag)
Jessica Hart - Carolina Herrera
Jessica Hart-Michael Kors
Jessica Hart - Betsey Johnson
Gigi Hadid - Prabal Gurung
Lindsay Ellingson - Nonoo
(top e gonna Misha Nonoo, tacchi Gianvito Rossi, clutch Rebecca Minkoff)
Cara Delevingne (e la sua tetta) & Kate Moss -  Burberry
Lily Aldridge - Tory Burch
Lily Aldridge - Prabal Gurung
Lily Aldridge - Diane Von Furstenberg
Heidi Klum - Michael Kors
Hilary Rhoda - Bcbgmaxazria
Jessica Hart  & Toni Garrn
Elisa Sednaoui - Altuzarra
(vestito Altuzarra, clutch Charlotte Olympia, scarpe Louboutin) 
Elisa Sednaoui - Diane Von Furstenberg 
(tutina Diane Von Furstenberg, borsa Charlotte Olympia) 
 Elisa Sednaoui - Rodarte
(vestito Rodarte, handbag Charlotte Olympia)
Elisa Sednaoui - Proenza Schouler
(vestito Proenza Schouler, scarpe Louboutin)
Poppy Delevingne - Michael Kors 
Poppy Delevingne - Matthew Williamson
Poppy Delevingne -  Topshop
Alexa Chung - House of Holland
Alexa Chung - Topshop
(gonna e top Topshop, borsa Chanel)
Alexa Chung - Marc Jacobs
Coco Rocha & Erin Wasson - Carolina Herrera
Coco Rocha - Diesel

Personalmente mi sono piaciute molto Jessica Hart, Lily Aldridge e Poppy Delevingne.
Apprezzo molto lo stile della sorella di Cara, difficilmente la vedrete sbagliare un look!
Voi chi avete preferito? E come la pensate sul dress code per le sfilate? Lo seguireste o restereste fedeli al vostro stile?
Buona giornata a tutte!
*Sara






[continua...]